Salviamo il Servizio Sanitario Nazionale

Alcuni esperti si stanno interrogando su come salvare il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) italiano. Lodevole impegno, giacchè esso offre notevoli vantaggi quali l’elevato gradimento della popolazione (criterio che dovrebbe essere sempre prioritario per i servizi pubblici), ma anche un accesso universale e un costo inferiore a quello di altri sistemi sanitari. Il SSN oggi è in difficoltà sia per motivi di sostenibilità economica (in quanto la spesa sanitaria tende a crescere a causa dell’invecchiamento della popolazione e del tumultuoso progresso tecnologico), sia per una serie di scelte organizzative che si sono succedute dal 1978 ad oggi e che non sempre sono risultate felici. Continua a leggere

Annunci

Una testa un voto non funziona (?)

In Italia vige un sistema di democrazia rappresentativa a suffragio universale dove ogni cittadino maggiorenne può votare e “ogni testa un voto”. Ciò fa sì che possano votare con uguale peso anche persone che non sono all’altezza del compito. Si assiste al fatto che l’elettore medio spesso non valuta il candidato sul curriculum di cose fatte, ma si accontenta delle parole che il candidato pronuncia e delle sue promesse, o addirittura vota per simpatia o antipatia. Così i candidati assumono atteggiamenti visibilmente mirati “ut fieri videatur”, ma molti elettori non capiscono che si tratta di pura finzione teatrale.
Io credo che l’Italia dovrebbe seguire il sistema dove gli elettori comuni (i commons) votano gli schieramenti politici in elezioni cosiddette primarie presso Gruppi di interesse che, in base ai voti ricevuti, nominano un proporzionale numero di delegati (e sperabilmente persone di qualità) che, a loro volta, votano per i rappresentanti degli schieramenti politici nazionali. Anche il sistema delle Corporazioni si basa sullo stesso principio: evitare che la scelta del popolo sia troppo istintiva e poco razionale, creando un sistema in due tempi: il popolo vota per uno degli schieramenti politici alternativi all’interno di una Corporazione e questa a sua volta, in base ai voti ricevuti, nomina un numero di delegati proporzionale e questi votano a loro volta per gli schieramenti politici a livello nazionale. Forse si potrebbe approfondire questa proposta.

La presa in carico dei pazienti cronici: una ACO (Accountable Care Organization) Lombarda

Ogni cambiamento di modello organizzativo tipo ACO (e quindi la presa in carico dei cronici in Lombardia) implica che:

➊ si creino collaborazioni tra GP, Ospedali, POT, altri servizi territoriali sanitari e sociali;
➋ queste ACO devono funzionare come un corpo unico;
➌ devono includere sanità e sociale;
➍ ci vuole assolutamente il coinvolgimento di medici e pazienti, e quindi ci vuole tempo, buona e intensa comunicazione, incentivi monetari e non monetari.

Alderwick H et al. Accountable Care Organizations: lessons from the US.BMJ 2018;360:k921

Epigenetica e prevenzione (e predizione)

L’epigenetica, ossia quelle caratteristiche genetiche in parte causate dall’ambiente esterno all’organismo, sembra costituire un campo di studio molto promettente anche ai fini della predizione e prevenzione di malattie autoimmuni e metaboliche come il diabete 2 oltre ai tumori. E’ necessario attivare biobanche atte a conservare grandi numeri di campioni biologici di queste patologie per consentirci di capire quali sono le caratteristiche che consentono questo progresso della conoscenza.

Feinberg A. The key role of epigenetics in human disease prevention and mitigation.
New Engl J Med 378, 1323-34, 2018

Pensiamo ai malati cronici

Nel 2012 in Scozia la maggior parte dei soggetti di 65 o più anni di età viveva con 3 o più malattie croniche. Nel 2016 in Inghilterra tra i soggetti con più di 75 anni di età il 7% era francamente fragile e il 21% moderatamente fragile.Nel 2012 in Scozia la maggior parte dei soggetti di 65 o più anni di età viveva con 3 o più malattie croniche. Nel 2016 in Inghilterra tra i soggetti con più di 75 anni di età il 7% era francamente fragile e il 21% moderatamente fragile.Quest’anno in Gran Bretagna i soggetti con 4 o più malattie croniche sono il 9,8% e si prevede che aumentino fino al 17% nel 2035. Quindi se il 10% della popolazione ha 4 o più malattie croniche e di questa il 10% è molto fragile e il 20% fragile, dobbiamo oggi assistere un 1% di tutta la popolazione per elevata fragilità ed un ulteriore 2% per fragilità media, e queste percentuali continuano a crescere. Ciò significa che dobbiamo mettere in atto misure oggi ancora non ben attuate, ossia: Continua a leggere