Una testa un voto non funziona (?)

In Italia vige un sistema di democrazia rappresentativa a suffragio universale dove ogni cittadino maggiorenne può votare e “ogni testa un voto”. Ciò fa sì che possano votare con uguale peso anche persone che non sono all’altezza del compito. Si assiste al fatto che l’elettore medio spesso non valuta il candidato sul curriculum di cose fatte, ma si accontenta delle parole che il candidato pronuncia e delle sue promesse, o addirittura vota per simpatia o antipatia. Così i candidati assumono atteggiamenti visibilmente mirati “ut fieri videatur”, ma molti elettori non capiscono che si tratta di pura finzione teatrale.
Io credo che l’Italia dovrebbe seguire il sistema dove gli elettori comuni (i commons) votano gli schieramenti politici in elezioni cosiddette primarie presso Gruppi di interesse che, in base ai voti ricevuti, nominano un proporzionale numero di delegati (e sperabilmente persone di qualità) che, a loro volta, votano per i rappresentanti degli schieramenti politici nazionali. Anche il sistema delle Corporazioni si basa sullo stesso principio: evitare che la scelta del popolo sia troppo istintiva e poco razionale, creando un sistema in due tempi: il popolo vota per uno degli schieramenti politici alternativi all’interno di una Corporazione e questa a sua volta, in base ai voti ricevuti, nomina un numero di delegati proporzionale e questi votano a loro volta per gli schieramenti politici a livello nazionale. Forse si potrebbe approfondire questa proposta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...