Perché i medici sono demotivati

Molti medici oggi sono demotivati giacché:

  • subiscono frequenti cambiamenti organizzativi spesso poco efficaci;
  • non partecipano alla definizione dei processi di cura;
  • hanno scarso riconoscimento della loro autonomia e valore professionale;
  • hanno un ruolo subalterno a quello dei politici e degli amministrativi;
  • sono subissati di compiti burocratici ed esposti a rischi professionali;
  • in maggioranza hanno salari inadeguati.

La demotivazione esita spesso nel cosiddetto “burn-out” e nell’incuria della propria salute. Le cause di burn-out sono state identificate nei seguenti fattori:

  1. eccessivo lavoro: il medico lavora spesso 50 o più ore a settimana con funzioni di guardia 24 o più ore di seguito;
  2. lavoro cronicamente stressante dal punto di vista psicologico, che prevede spesso rilevanti impegni cognitivi;
  3. frequenti e rapidi cambiamenti della pratica medica e dell’organizzazione sanitaria (eccessivo lavoro burocratico, crescenti responsabilità, conflitto tra l’interesse del sistema e quello dei malati, ecc.);
  4. progressiva perdita di autonomia nei confronti del sistema, ma responsabilità sempre elevate;
  5. mancati riconoscimenti morali e materiali e scarse opportunità professionali;
  6. caratteristiche personali e di genere.

Un medico su tre in qualche momento della vita viene colpito da burn-out che si manifesta con perdita di entusiasmo per la professione, senso di inutilità del proprio lavoro, cattivo rapporto con pazienti e colleghi.

Le conseguenze del disagio dei medici si riflettono anche sull’organizzazione sanitaria attraverso:

  • turn over aumentato;
  • ridotta produttività ed efficienza (assenteismo, pensionamento anticipato);
  • rapporti difficili con i pazienti, i colleghi, il sistema;
  • ridotta qualità e sicurezza delle cure ai pazienti e loro insoddisfazione;
  • maggior incidenza di malattie fisiche e mentali.

Tale disagio dei medici è correggibile, ma è necessaria molta ricerca per aumentare la generale consapevolezza e trovare i migliori modi di risolvere questo problema tanto importante per i medici, per i malati e per il Servizio Sanitario Nazionale. Il burn-out non si combatte con l’evasione dal lavoro, ma con modificazioni organizzative che consentano al medico di curare, fare ricerca e insegnare con soddisfazione ma anche assecondino la sua aspirazione ad emergere, acquisire nuove tecniche e conoscenze, essere riconosciuto materialmente e moralmente per i suoi risultati e i suoi meriti. Purtroppo nelle Istituzioni pubbliche italiane siamo ben lontani da questi obiettivi e di fatto manca una politica delle risorse umane.

 (da: Spunti per una sanità migliore di Girolamo Sirchia – Piccin Editore – cap 6 – p. 98-99)

Annunci

One thought on “Perché i medici sono demotivati

  1. Pingback: Perché i medici sono demotivati « Girolamo Sirchia Mi chiedo caro Sirchia perche’ Lei non abbia fatto nulla da ministro pur conoscendo a quanto pare il problema | renalgate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...