La Fondazione nella sanità pubblica (Spigolature)

Nel settore della sanità pubblica il termine “azienda” è improprio, perché è proprio dell’azienda il perseguimento degli utili. Per indicare la necessità di raggiungere il pareggio di bilancio è più consona la Fondazione (Marini G. e Castelli N. Le organizzazioni aperte in sanità. Il Sole/24 Ore, Milano, 2006).

Sottolineo tuttavia che la Fondazione può funzionare solo a 3 condizioni:
1. che non sia di diritto pubblico, ma privato (maggiore agilità di gestione);
2. che il Consiglio di Amministrazione sia costituito per il 75% da personale sanitario che vi lavora attraverso libere elezioni interne e per il resto da rappresentanti di varie Istituzioni e degli utenti (ridurre le invadenze della politica);
3. che venga ridotto l’asfissiante neo-centralismo regionale così da consentire alle Fondazioni Ospedaliere di competere con il privato ad armi pari.

Annunci

2 thoughts on “La Fondazione nella sanità pubblica (Spigolature)

  1. Caro Professore, una piccola precisazione.
    L’azienda è un’organizzazione economica finalizzata a raggiungere determinati obiettivi. L’impresa è un’azienda che tra i determinati obiettivi ha anche quello di produrre utili.
    Le aziende sanitarie (usano risorse economiche, umane e mezzi strumentali) hanno l’obiettivo di assicurare i livelli essenziali d’assistenza e l’obbligo di equilibrio di bilancio, non della produzione di utili.
    Cambiamo pure il nome! I problemi resteranno tali e quali.
    La fondazione, comunque, è una buona idea da sperimentare! L’esperimento inglese ha avuto risultati disomogenei e non tutti positivi. Proviamo, “movimentiamo”, cerchiamo di uscire dalla palude!
    Carlo Favaretti, Direttore generale, AOU Santa Maria della Misericordia, Udine.

    • Caro Professor Favaretti, grazie per la precisazione ma è indubbio che nell’accezione comune l’azienda sottende il significato di ente economico finalizzato a produrre utile. Pertanto resto convinto che in Italia l’aziendalizzazione degli ospedali e delle ASL non è stata una buona scelta.
      Ne consegue che le finalità economiche vengono prima delle finalità mediche, cioè l’efficienza diventa la maggior preoccupazione anche a scapito dei medici e della loro missione. Cosa peraltro che comunemente rileviamo.
      Condito con tutto questo la politica regionale è sempre più invadente e dispotica.
      Grazie del contributo, ne parleremo ancora.
      Cordialmente, Professor Girolamo Sirchia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...